Notte di festa per il camminatore di Via delle Terre d’Acqua. Una nottata, infatti, diversa dalle solite. Decide di dormire nel dahor di un bar ma lì ieri sera, domenica 20 maggio c’è musica dal vivo.

CLICCA QUI E SEGUI TUTTO IL CAMMINO GRAZIE AL NOSTRO SPECIALE

Notte di festa

La notte appena passata, quella tra domenica 20 e lunedì 21 maggio, è stata una notte diversa per Marco Leone. Non monta la tenda, sceglie di dormire in un dehor di un bar a Isola Pescaroli. Massimo, il titolare, gli dà il benvenuto e gli dice: “Stai tranquillo qui alle 20:30 non c’è più nessuno, dormi sereno”.

La partenza IL VIDEO

La seconda tappa

Tra pioppi e cuculi FOTO E VIDEO

Tappa piena di sorprese IL VIDEO

Direzione Pavia

Arrivo a Pavia

Arrivo a Miradolo

A Piacenza

Arrivo a Isola Pescaroli

Invece…

“Verso cena mi avvicina una signora con un piatto salsiccia, pancetta e patate. Io stavo facendo già la pasta quindi mi strafogo. Meglio fare la scorta. Passa il tempo e il bar si anima sempre più. Verso le 21 quasi si menano, poi adagio la gente inizia a andar via. Rimangono pochi intimi. Musica a palla da spaccar i timpani. Repertorio da Tozzi ai Nirvana. Il tempo passa. Son le 23, rimane il barista e una tipa: tutte e due son belli pienotti. Ok basta, gonfio il materassino e mi metto giù: son stanco. Dopo un po’ baci e abbracci. Se ne vanno. Massimo è veramente un buono, si vede però deve avere qualche bel casino… mi spiace. Finita… no, mi stendo e l’incanto il silenzio. Qualche civetta, si sente il fiume scorrere accanto, una spicchio di luna si riflette nelle acque del Po bellissimo. Però sono arrivati un sacco di animali aggressivi: le zanzare. Mi sigillo nel sacco ma ogni tanto mi sveglio per qualche rumore sospetto ma la notte corre via veloce”.

Leggi anche:  Ginkgo Festival IL PROGRAMMA

Caffè triplo e mal di testa

“Mi sveglio poco fa. Caffè triplo e mal di testa. Mi concedo ancora una mezz’oretta di svacca poi via altro giro altra corsa” .