World Press Photo, in città il meglio del fotogiornalismo del mondo. La mostra è visitabile tutti i giorni fino a domenica 11 novembre.

World Press Photo

Tra gli appuntamenti da non perdere dell’offerta culturale di Torino in questi giorni vi è sicuramente il World Press Photo. La mostra racchiude il meglio del fotogiornalismo, con scatti provenienti dagli obiettivi dei più importanti e illustri fotoreporter al mondo. Il concorso del World Press Photo rappresenta e concentra i più alti standard della fotografia d’attualità e ne nomina la foto dell’anno, selezionata nell’ambito di diverse categorie (8 in tutto): Natura e Ambiente, Vita Quotidiana, Mutamenti Climatici e Sociali, Ritrattistica, Reportage di Guerra. Alcune delle immagini premiate con questo titolo sono diventate iconiche, altre hanno stabilito dei trend, altre ancora hanno influenzato il fotogiornalismo tanto da mutarne lo stile e dettarne gli standard.

La mostra

Inaugurata lo scorso 12 ottobre al grande pubblico, l’esposizione è allestita nei locali dell’ex Borsa Valori, in piazzale Valdo Fusi. E’ visitabile tutti i giorni, dal lunedì al giovedì dalle 10 alle 20 e dal venerdì alla domenica fino alle 22. Parallelamente ai più significativi scatti dei migliori fotogiornalisti al mondo, un ricco programma di eventi e di incontri che permetteranno al grande pubblico di approfondire e conoscerne i protagonisti.
Questa sera, giovedì 18 ottobre alle ore 18.30, «Trent’anni di fotogiornalismo a Torino».  Sergio Solavaggione presenterà “Obiettivo sensibile” (Daniela Piazza Editore). Con lui, dialogano Daniele Solavaggione, fotoreporter e videomaker de La Stampa, Angelo Conti, giornalista e consigliere d’amministrazione della Fondazione La Stampa-Specchio dei tempi. Modera Giorgio Levi, presidente del Centro Giornalistico Pestelli.
Venerdì 19, alle ore 20.30, «Anno 2018. Diritti ai sentimenti». Un incontro con gli avvocati Gabriele Molinari, consigliere regionale delegato alla Consulta Regionale dei Giovani, e Andrea Catizone, giurista e studiosa specializzata in diritto della famiglia, presidente di Family Smile, per parlare di legge, relazioni affettive e famigliari a partire dal progetto, unico in Italia, dell’Educazione Sentimentale nelle scuole piemontesi. Modera Emanuele Franzoso, giornalista.
Sabato 20 Ottobre, alle 18, si incontrerà Luca Locatelli, vincitore del secondo premio World Press Photo 2018, sezione storie per la categoria Ambiente. Il suo lavoro si concentra su storie che narrano di come persone, scienza e tecnologia esercitino un impatto, talvolta evidente, sul mondo che ci circonda. Il suo lavoro è stato pubblicato in tutto il mondo ed è collaboratore del New York Times Magazine, del National Geographic Magazine, New Yorker, di Bloomberg Businessweek e Wired.
Domenica 21, sempre alle  18, sarà ospite Alessandro Lercara, primo premio del concorso fotografico “Per Amore”, promosso nel 2018 da UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati. La giuria composta da Pierre André Podbielski, Arianna Rinaldo, Roberto Rossi, Carlotta Sami ed Enrico Stefanelli ha scelto, tra le 2.990 immagini partecipanti, la foto in bianco e nero, scattata nell’ambito del progetto “Tattoo” realizzato da Lercara nel 2017 come simbolo di tutti i gesti d’amore.

Leggi anche:  Mercatino di Natale, un weekend tra 60 chalet

Cos’è la Fondazione World Press Photo

Nata nel 1955 e con base ad Amsterdam, la Fondazione World Press Photo si distingue ormai da sei decadi per essere una delle maggiori organizzazioni indipendenti e no-profit impegnata nella tutela la libertà di informazione, inchiesta ed espressione, promuovendo in tutto il mondo il fotogiornalismo di qualità. Oltre ad offrire un ampio portfolio di attività comunicative, educative e di ricerca, la World Press Photo Foundation vanta il concorso di fotoreportage più prestigioso al mondo con la partecipazione annuale di circa 6.000 fotoreporter, provenienti dalle maggiori testate editoriali mondiali come Reuters, AP, The New York Times, Le Monde, El Paìs per nominarne solo alcuni. In occasione della 61^ Mostra Internazionale di World Press Photo, i paesi partecipanti sono stati 125, con 4.548 fotografi e 73.044 immagini proposte. Una giuria internazionale indipendente ha selezionato, tra queste, un totale di 312 immagini di 42 fotografi provenienti da 22 paesi.