400 milioni per la sicurezza. Sono 400 i milioni destinati ai Comuni che possono richiederli per effettuare interventi di messa in sicurezza su strade, scuole, altre strutture di proprietà comunale, ponti e viadotti.

400 milioni per la sicurezza

Gli enti locali hanno tempo fino al 15 settembre prossimo per inviare telematicamente al ministero dell’Interno (dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, direzione centrale della Finanza Locale) le richieste di contributi per il 2020, previsti dalla legge di bilancio per il 2018 (articolo 1, comma 853, della legge n.205/2017), a condizione che non abbiano beneficiato delle risorse previste dall’articolo 1, comma n.974, della legge n.208/2015.

Tre fasce di contributi

Le richieste possono riguardare una o più opere pubbliche, nei seguenti limiti di importo:

– 1.000.000 di euro per Comuni con una popolazione fino a 5.000 abitanti;
– 2.500.000 di euro per Comuni con popolazione da 5.001 a 25.000 abitanti;
– 5.000.000 di euro per Comuni con popolazione superiore a 25.000 abitanti.

Leggi anche:  NFON propone la scelta di un sistema di telefonia aziendale sicuro e compliant al GDPR

Come richiedere i contributi

I Comuni interessati devono comunicare la richiesta telematicamente compilando il modello informatizzato approvato con il decreto 2 agosto 2019, pubblicato nella Gazzetta ufficiale di ieri (Serie generale n.188 del 12 agosto 2019). Il modello è disponibile on line sul sito del dipartimento, direzione centrale della Finanza locale, nell’area riservata per la trasmissione delle certificazioni. A questo link: https://dait.interno.gov.it/finanza-locale/area-certificati oppure è possibile scaricarlo CLICCANDO QUI

Ulteriori indicazioni su tipologie di investimento, modalità e termini di trasmissione e casi di esclusione dalla procedure sono indicati nel decreto, da leggere a questo link: https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2019/08/12/19A05152/sg oppure è possibile scaricarlo CLICCANDO QUI