Bambini fantasma la scuola resta inutilizzata.

Bambini fantasma

A Saluggia, o meglio a Sant’Antonino proprio non si riesce a digerire il fatto che nessun genitore abbia più iscritto i bambini alla scuola della frazione. E che di conseguenza quei locali siano inutilizzati. E, ancora di conseguenza, che come il Comune non abbia più previsto gli interventi di ristrutturazione.
Nonostante ormai la scuola sia inutilizzata dal 2015, ancora si parla di sistemarla.

I fondi

Emanuele Pedrazzini, infatti, nel corso dell’ultimo consiglio comunale andato in scena venerdì 15 dicembre ha, appunto, sottolineato come i 300mila euro previsti per la sistemazione della scuola siano «spariti». Inoltre, sempre nel corso del suo intervento ha sottolineato che questa Amministrazione è poco attenta alle strutture scolastiche.
Parole che il sindaco Firmino Barberis e l’assessore all’istruzione Adelangela Demaria hanno rispedito al mittente spiegando: «Le nostre scuole sono in sicurezza e abbiamo investito numerosi fondi per renderle decorose. Le scuole di Saluggia, a differenza di molte altre, hanno la certificazione antincendio, ogni classe è dotata di Lim. Non riteniamo dunque corretto definire la scuola come di serie “B”».

Leggi anche:  ITW licenzia 32 dipendenti: "E' inaccettabile"

I commenti

«Per quanto riguarda la scuola di Sant’Antonino non è stato fatto quell’investimento perché i genitori hanno scelto di iscrivere i bambini nel capoluogo – continuano -. Non è assolutamente vero che siamo noi che l’abbiamo chiusa. Anzi. Noi abbiamo negato di produrre un documento per chiudere quella scuola. Se i genitori sono pronti a riscrivere i loro figli in quel plesso noi interverremo per renderlo agibile e idoneo ad ospitare gli alunni. Per noi è una scuola attiva ma senza studenti. Ricordiamo, infine, che nel 2013 abbiamo speso 27 mila euro per quella struttura».