Eni Versalis, previste 35 assunzioni a Crescentino. Confermato il piano di azioni propedeutiche alla ripresa delle attività operative degli impianti “bio” del Gruppo Mossi & Ghisolfi.

 

Eni Versalis, previste nuove assunzioni

Versalis, (Eni) conferma che è in corso il piano di azioni propedeutiche alla ripresa delle attività operative degli impianti “bio” del Gruppo Mossi & Ghisolfi rilevati nel novembre 2018. A oggi sono state acquisite da Versalis oltre 120 persone, di cui circa 80 a Crescentino e 40 a Rivalta Scrivia, molte delle quali erano in cassa integrazione. Entro l’anno si prevedono nuove assunzioni, di cui circa 35 a Crescentino.

Manutenzioni, gli investimenti

Per quanto riguarda gli impianti, Versalis conferma che sono già stati definiti e in gran parte ingegnerizzati gli interventi manutentivi e gli investimenti per l’adattamento del sito di Crescentino agli obblighi normativi, agli standard aziendali per la Salute Sicurezza e Ambiente e per i miglioramenti di processo e affidabilità degli impianti per i quali saranno investiti, in particolare per l’impianto bio-etanolo e per il sistema di trattamento acque, circa 15 milioni di euro.

Gli interventi, per i quali l’8 agosto scorso è stata presentata “Istanza di modifiche non sostanziali” dell’Autorizzazione integrata ambientale AIA alla Provincia di Vercelli, sono ancora in corso. Versalis, previo il rilascio delle necessarie autorizzazioni, conferma che entro l’anno verrà riavviata la centrale elettrica a biomassa e l’impianto di trattamento acque, primi passi della rimessa in marcia completa del sito industriale.

In parallelo, la società chimica di Eni sta lavorando per ricostituire la filiera di approvvigionamento di biomasse per lo stabilimento di Crescentino privilegiando due elementi: il corto raggio e la massimizzazione della biomassa di scarto. Versalis ha assicurato al Comune di Crescentino la disponibilità a creare un sistema di controllo delle biomasse e a rendere accessibili tutte le relative informazioni.

Leggi anche:  Avviso di vendita Esecuzione Immobiliare n. 241/2013 (Tribunale di Ivrea) nel comune di Chiesanuova (TO)

L’avvio graduale degli impianti è necessario perché permette anche di ripristinare progressivamente il sistema di approvvigionamento delle biomasse, per le quali non sono ancora state individuate le aree per il loro stoccaggio. Consente inoltre di gestire e consolidare in maniera ottimale ed efficace le performance operative e di sicurezza degli impianti, considerato il lungo periodo di inattività.

Nel nuovo piano industriale sono già stati pianificati investimenti volti al miglioramento dell’assetto degli impianti, tra cui l’upgrade del biogas prodotto dal sistema di trattamento delle acque che consentirà di immettere bio-metano nella rete nazionale e il potenziamento dell’essiccamento della lignina affinché possa avere un’alternativa commerciale all’utilizzo come combustibile nella centrale.

Un open day

E’ stata programmata entro la fine dell’anno, non appena le condizioni tecniche lo permetteranno, l’organizzazione di un Open Day dedicato al territorio, al fine di far conoscere le attività del sito produttivo di Crescentino.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!