La vicenda legata alla piscina di San Mauro Torinese, quella cioè di piazza Gramsci, e alle sue sorti continua a destare la preoccupazione di molti. A rischio, infatti, 56 posti di lavoro.

Piscina, il caso

Al centro del dibattito c’è il futuro dei 56 lavoratori dell’impianto sportivo. La questione è stata discussa nella serata di martedì 13 marzo, durante la commissione. In questo incontro si è discusso degli indirizzi per la concessione della gestione della piscina. Presenti in sala capigruppo anche alcune delle lavoratrici che, preoccupate per la situazione, hanno incontrato il sindaco Marco Bongiovannie i consiglieri presenti, illustrando la loro condizione.

La paura dei lavoratori

Sebbene nel nuovo bando per la nomina del futuro gestore della piscina ci sia una clausola che tutela gli eventuali dipendenti nel passaggio di gestione, la situazione che si vive tra i locali di piazza Gramsci non rientra in questa possibilità. I lavoratori attualmente impiegati nell’impianto, infatti, non risultano essere dipendenti della società, bensì vincolati da una semplice lettera di incarico stagionale. Una grossa criticità quindi che difficilmente il Comune potrà fronteggiare, ma il rischio è proprio quello di lasciare a casa le 56 persone che compongono lo staff dell’impianto sportivo sanmaurese.

Leggi anche:  Sciopero Ryanair due giorni di stop

L’Amministrazione al lavoro

Al vaglio dell’Amministrazione, tuttavia, l’individuazione di una soluzione e, in seguito alla discussione avvenuta nel corso della commissione, potrebbe essere stata trovata una clausola di «premialità». Si tratta infatti di assegnare un maggior punteggio a quella società che, nella presentazione della propria candidatura al bando, espliciti l’intenzione di farsi carico del personale attualmente attivo nell’impianto. Un’ipotesi che, qualora non venisse riconfermato l’attuale gestore, potrebbe far tirare un sospiro di sollievo ai lavoratori.

La commissione

Acquisito il diritto di superficie alla fine dello scorso anno, l’Ente si prepara a redigere il bando per individuare il gestore. A partire dalla prossima stagione estive. L’attuale gestore, la società Sportiamo, infatti, sarà attivo nell’impianto sportivo fino a luglio 2018. D opodiché spetterà alla nuova società prendere in mano la struttura.