Cinque Stelle abbandonano il Consiglio la seduta riprende oggi.

Cinque Stelle

Venaria come Torino e come San Mauro. Anche nel Parlamentino locale la protesta del Movimento 5 Stelle ha avuto seguito. Il gruppo consiliare di maggioranza, ieri sera, ha quindi deciso di abbandonare la seduta di prima convocazione. Un segno di protesta per quanto accaduto domenica a Roma e per le evoluzioni verificatesi lunedì riguardo all’incarico di Governo.

La protesta

“La scelta di porre veti in base alle minacce internazionali e alle opinioni politiche di uno dei Ministri proposti per il Governo del Cambiamento ci lascia profondamente contrariati, mettendo in discussione il voto di tutti gli italiani che si sono espressi nelle urne indicando le loro volontà per il futuro del Paese”. E’ quanto si legge in una nota diffusa dal Movimento di Venaria. “Non è questo il metodo con cui pensiamo la democrazia. Tutto ciò è avvenuto dopo un grandissimo lavoro di concertazione, anche tra diverse parti politiche, per dare al Paese un Governo pronto a lavorare nel minor tempo possibile e in coerenza con il programma votato dai cittadini”.

Leggi anche:  Provincia del Verbano, referendum ad ottobre

La seduta riprenderà in piazza

“Prima di abbandonare la sala – ha dichiarato il capogruppo Guido Ruento – abbiamo chiesto al Presidente del Consiglio comunale che la parte dell’ordine del giorno riservata alle Comunicazioni si svolga in piazza e che sia aperta agli interventi dei cittadini. Vogliamo rimarcare la gravità di questo momento e recuperare simbolicamente l’esercizio democratico di confronto e dibattito, che in questo momento storico ci sembrano venuti meno. Successivamente il Consiglio tornerà a occuparsi della normale attività di amministrazione nella sede abituale».