Di pochi minuti fa l’indiscrezione sulle possibili dimissioni di Roberto Falcone, primo cittadino della Reale.

Il sindaco di Venaria Roberto Falcone pronto alle dimissioni

Che a Venaria Reale le acque non fossero calme lo si era capito da alcune settimane. Gli ultimi consigli comunali sono stati particolarmente travagliati e non sempre, a causa di defezioni (soprattutto nella casa della maggioranza a Cinque Stelle), si è raggiunto il numero legale. E’ così che nella prima serata di oggi – lunedì 24 giugno – una voce ha iniziato a circolare tra gli ambienti ai lavori: quella delle imminenti dimissioni del sindaco Roberto Falcone dal ruolo di primo cittadino della Città della Reggia.

Il commento del sindaco “dimissionario”

E’ proprio il sindaco Roberto Falcone a offrire un commento sullo stato attuale dell’Amministrazione comunale venariese.

Basta alle violenze psicologiche – spiega il primo cittadino Falcone -. Qui rischiamo di non essere più sereni nell’amministrare una città importante come la nostra. Mancano 10 mesi alla scadenza del mandato e dopo un’accurata riflessione ho deciso di lasciare il mio incarico al Commissario prefettizio.

Se le dimissioni del sindaco Roberto Falcone erano state già vociferate nelle scorse settimane, sembrano essere irrevocabili quelle annunciate in questi ultimi minuti e che domani potrebbero essere annunciate nella consueta riunione di giunta.

Insieme a quelle di Roberto Falcone, secondo quanto emerge in questi istanti, ci sarebbero anche le dimissioni del consigliere comunale di maggioranza Aldo Urso, da sempre in linea con le scelte del Movimento 5 Stelle di Venaria. Circostanza che potrebbe compromettere ulteriormente la tenuta della maggioranza in consiglio comunale. Nonostante la scorsa settimana siano stati nominati in giunta il nuovo assessore al bilancio Brescia e “promossa” a vicesindaco Antonella D’Afflitto. Manovre che, in questo momento, appaiono come un “disperato” tentativo di tenere in piedi l’amministrazione della Reale.

Leggi anche:  Crisi in minoranza, Demin scarica Barone

Lo sfogo di Falcone

Roberto Falcone, primo sindaco a 5 Stelle della provincia di Torino, non le manda certo a dire. A nessuno.

Non è certamente il modo di lavorare questo – spiega riferendosi agli ultimi episodi di scontro in Consiglio comunale -. Ognuno, in questa vicenda ha le proprie responsabilità. Con un Consiglio comunale vuoto e svuotato non si può andare lontano.

Il rammarico del primo cittadino – secondo le indiscrezioni di palazzo – è quello di non essere riuscito a portare a termine i tanti progetti in cantiere per il bene dei cittadini di Venaria Reale.

La comunicazione a Luigi Di Maio

Il sindaco Roberto Falcone, all’atto della sua decisione, ha spiegato direttamente al vicepremier e leader del Movimento Luigi Di Maio il senso della sua scelta. “E’ stata sofferta”, sottolinea il primo cittadino dimissionario. Una comunicazione che si pone nell’ottica della trasparenza che Falcone ha sempre dimostrato nei confronti del Movimento.

Luigi Di Maio mi ha detto che – sottolinea Falcone – si dimostra disponibile anche se la mia scelta è irrevocabile.