Olimpiadi 2026, Torino esclusa. Lo sfogo di Chiamparino. “Non mi risulta sia possibile la candidatura di un Paese senza una lettera di garanzia del Governo”.

Olimpiadi 2026

Torino pare aver perso la sua sfida per la candidatura alle Olimpiadi 2026. Sebbene la sindaca di Torino Chiara Appendino abbia annunciato che non intende arrendersi, il Coni ha invece ufficializzato che saranno Milano e Cortina a concorrere per i Giochi Invernali.

Lo sfogo di Chiamparino

Intanto il presidente della Regione Piemonte non resta a guardare e ha così commentato la decisione sostenuta anche da Giovanni Malagò:

“Non mi risulta sia possibile la candidatura di un Paese senza una lettera di garanzia del Governo. Senza questa la candidatura italiana la vedo molto difficile da sostenere”.

La frecciatina al Governo

Nonostante il vice premier Di Maio spalleggi la strada perseguita dalla sindaca pentastellata, il governatore piemontese aggiunge:

“Non vorrei che, depositate le polveri e spenti i riflettori, dato che c’è tempo fino a gennaio per fare la lettera di garanzia, magari a Natale, quando prevalgono gli addobbi, il Governo faccia arrivare la lettera di sostegno”.