Piastra sindaca: la chiave di volta della Città. La giovane prima cittadina rappresenta una “novità” sotto molteplici aspetti.

Piastra sindaca

C’è chi, in queste ore di festeggiamenti per la sua vittoria, Elena Piastra se l’è immaginata un po’ come la chiave di volta per l’Amministrazione cittadina. Come se il suo ormai imminente governo di Settimo fosse un vero e proprio spartiacque tra il passato, reso importante da personaggi illustri della sinistra settimese, e il futuro. Quello cui lei ha sempre guardato con interesse già quando si avvicinava a diventare assessore all’innovazione del Comune di Settimo all’inizio dello scorso mandato. 

La donna dei “record”

Qualcuno, pensando alle elezioni del 2014, oggi la chiama la «donna dei record». Perché riuscì in quell’occasione a risultare la più votata della provincia di Torino con oltre 1000 preferenze. Oggi, invece, Piastra è riuscita a stabilire un altro primato: quello di essere la prima sindaca donna della storia della Città della Torre. Con i suoi 11.251 voti, pari al 64,61% dei voti validi, la trentacinquenne che vanta una capacità e un’esperienza politica importante su tutto il territorio della Città Metropolitana di Torino, è pronta a mettersi al lavoro. Che lei fosse una “predestinata”, del resto, l’aveva detto anche Matteo Renzi che di fronte alla ricca platea del Lingotto aveva detto di volerla tra i candidati al Parlamento dopo aver sentito il suo discorso appassionato. «No grazie, voglio continuare a impegnarmi per Settimo», aveva risposto Piastra rifiutando un’occasione che tanti suoi colleghi avrebbero accettato a occhi chiusi e per cui sarebbero forse anche disposti a gettarsi nel fuoco.

Leggi anche:  Riqualificazione Corso Piemonte: presto i lavori

Ha schiacciato le destre

E’ riuscita, insieme a tutta la sua squadra, ad arginare un’impressionante avanzata del centrodestra, e della Lega di Salvini in particolare, su tutto il territorio. Riuscendo a sovvertire, già al primo turno, il risultato importante ottenuto dal Carroccio alle europee e alle regionali.  Dopo le fatiche di una campagna elettorale “dura” e ricca di attacchi politici e personali, adesso deve pensare a costruire la sua squadra di Governo. 

Prima donna al governo di Settimo

La prima rappresentante del gentil sesso a indossare la fascia tricolore sul territorio è attesa da sfide importanti. Lei e i «suoi» lo sanno bene. Sarebbe, per chiunque di loro, ipocrita negare le eventuali difficoltà che si presenteranno alla porta della nuova Amministrazione. Ma forte soprattutto dell’entusiasmo e della voglia di fare di una squadra giovane e ambiziosa, Elena Piastra è pronta a fare la sua parte.  

+++ SU “LA NUOVA PERIFERIA” IN EDICOLA da martedì 11 giugno, sei pagine di speciale BALLOTTAGGIO 2019 +++