WiFi gratis bocciato dal consiglio comunale.

WiFi gratis bocciato

E’ stata bocciata dal consiglio comunale la proposta di “Alternativa Civica”, la formazione politica cittadina che ha presentato una mozione per sensibilizzare l’Amministrazione comunale al WiFi gratuito nei luoghi pubblici di Brandizzo. La discussione sul punto è avvenuta nel corso dello scorso consiglio comunale del 26 marzo.”Questa iniziativa era di grande interesse per la nostra comunità – spiega Alternativa Civica -. A noi sarebbe stato sufficiente almeno un impegno formale dell’amministrazione a voler fornire in futuro questo utile servizio gratuito per i cittadini”.

Il progetto

“Ribadiamo ancora che il progetto ‘Free ItaliaWiFi’ – continua la nota di AC – è rivolto ai comuni che hanno già in attività o che hanno intenzione di costruire nuove reti WiFi pubbliche gratuite per i cittadini. Con la mozione non si approvava l’installazione con conseguente spesa della rete WiFi. Ma semplicemente voleva rappresentare un atto di indirizzo e di impegno ad aderire all’accordo di collaborazione sulla cittadinanza digitale e al progetto, per il WiFi gratuito nei luoghi aperti di Brandizzo”. Adesione che sarebbe quindi stata completamente gratis.

Leggi anche:  Giunta Pane ECCO I NOMI

Un servizio utile

“Riteniamo – conclude Alternativa Civica – che sia un servizio utile non solo per i giovani brandizzsi ma anche per le fasce più deboli della cittadinanza. Abbiamo suggerito come aree dove assicurare l’accesso gratuito alla rete internet la biblioteca e piazza Carlo Ala”. E, ancora, piazza Carlo Tempia, piazza Vittorio Veneto, parco degli Alpini, area fieristica e Parco del Castello, parco Grande Torino e parco di via Impastato.

Le altre mozioni bocciate

Alternativa Civica, inoltre, ha visto bocciate altre mozioni presentate nel corso dell’ultimo consiglio comunale. Si tratta, infatti, dei documenti che riguardavano l’istituzione della pagina Facebook del Comune e l’attivazione del Question Time del cittadino. “Tutti strumenti di maggiore partecipazione della cittadinanza alla vita amministrativa e momenti di confronto diretto e pubblico”.