GeneaBiomed Chivasso sconfitta in casa dal Saluzzo. Per la formazioni locale tanta delusione e rammarico.

GeneaBiomed sconfitta in casa

Delusione e rammarico, bastano queste due semplici parole per descrivere il finale del match tra la GeneaBiomed Chivasso e Saluzzo, terminato 56-60 dopo che Chivasso aveva condotto nel risultato per 37 minuti di gara.

GeneaBiomed Chivasso sconfitta in casa

Chivasso si presenta alla sfida con i saluzzesi priva di Cester e con Vai febbricitante e dopo pochi minuti di gara perde Mattia Delli Guanti a causa di una frattura al setto nasale, dovuta al una gomitata subita da un avversario, e Luca Pepino, caduto malamente sulla schiena dopo un contatto subito in contropiede e nemmeno sanzionato con un fallo dalla deludente coppia arbitrale. Pronti via e Zuccarelli inaugura la sfida con la prima tripla della sua serata, cui risponde Vai prima che le difese blocchino entrambi gli attacchi ed il tabellone resti bloccato sul 2-3 per almeno tre minuti. Chivasso paga tre perse consecutive di Volpe, che si fa però perdonare con la rubata e l’assist per Vai che valgono il 5-5 dopo 5′ di gioco. Mina prova ancora l’allungo dall’arco dei tre punti, ma Chivasso trova equilibrio difensivo, raddoppia sistematicamente sui pick and roll, recupera palloni su palloni e con Ratto e Cocco chiude il primo quarto sul 14-9.

Secondo periodo

Il secondo periodo si apre con la tripla di Cirla che monetizza la splendida difesa dei biancoverdi, che toccano il +10 (21-11) con il jump di Morello dopo 4′ di gioco. Chivasso però inizia a pagare qualche problema a rimbalzo difensivo, lasciando troppi secondi tiri agli avversari che si avvicinano sul 23-17, concretizzando tre perse di fila chivassesi. Una nuova scossa arriva dal tiro da tre punti di Morello e Simone Delli Guanti, a cui prova a rispondere Zuccarelli, ma inutilmente perchè la GeneaBiomed chiude il primo tempo sul 31-23 e con l’inerzia della gara nelle proprie mani.

Leggi anche:  MotoGp di Silverstone, Bagnaia arriva 11esimo

Il terzo periodo

Purtroppo nel terzo periodo Chivasso perde la sua intensità e per 4′ non riesce a violare il canestro avversario, Saluzzo intanto sale di colpi, la gara si innervosisce, i contatti aumentano e si assiste ad una vera battaglia. Chivasso riesce a toccare ancora il +10 (42-32) con Vai, prima che Agasso e Mudadu riportino Saluzzo sul 42-38, allontanato però dalla tripla sulla sirena di Cirla che vale il 45-38. Negli ultimi 10′ Saluzzo prova a rientrare con ogni mezzo e la gara svolta a 4′ dalla fine, quando gli arbitri fischiano un passi inesistente a Vai lanciato in contropiede, subito punito dalla tripla di Mina del 51-50 e dalle rubate di Mudadu che valgono il sorpasso sul 53-54 a -2,50″ dalla sirena. Volpe avrebbe l’occasione del contro sorpasso, ma il suo 0/2 ai liberi permette ancora a Mina di allungare sul 53-57 a soli 37″ dalla fine, punendo l’antisportivo fischiato a Vai. Iannetti chiama immediato time out e sulla rimessa Cocco infila la tripla dai 7 metri che tiene vive le speranze biancoverdi, prima che la palla persa saluzzese conceda ancora 10″ a Chivasso per cercare il tiro della vittoria. Simone Delli Guanti si beve il campo in palleggio, penetra, ma una trattenuta molto dubbia non è sanzionata col fallo e sulla seguente palla persa Cocco commette fallo che è considerato antisportivo, cui segue un tecnico a Morello per proteste che mettono fine alla gara, lasciando a Mudadu i liberi del 56-60 finale.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!